Buca delle Fate Baratti

La Buca delle Fate: una baia nascosta nel Golfo di Baratti

Seguire il profumo di mirto e trovare baie meravigliose. 

Quante volte ci è successo in Sardegna, quando alla fine dei sentieri circondati dalla macchia mediterranea siamo finiti in spiagge selvagge e solitarie.

Questa volta ci è capitato in Toscana: la nostra scoperta è stata una cala dal nome fiabesco e dai colori unici.

La Buca delle Fate, nel Golfo di Baratti, è uno di quei posti di cui ti innamori al primo sguardo e un paradiso per chi ama fare snorkeling!

 

IL GOLFO DI BARATTI

Era da qualche mese che Kiki mi parlava del Golfo di Baratti, di Populonia e di quella che lei definiva una delle più belle baie di tutta la Toscana: la Buca delle Fate.

Piano piano la nostra fuga romantica nel sud della Toscana si era così trasformata da travel dream a realtà: a inizio giugno avevamo finalmente definito itinerario e singole tappe giornaliere.


Ti potrebbe interessare anche:

TUTTI DICONO…TRAVEL DREAMS!


Tra Cecina e Piombino, in quella che viene definita la Costa degli Etruschi, il Golfo di Baratti appare come un paesaggio rubato a scenari tropicali.

Una spiaggia bianca dalla forma a mezzaluna, un mare turchese, verso il quale si protendono le fronde verdeggianti di una pineta meravigliosa.

Di questo però ve ne parleremo presto, perché la nostra destinazione di giornata è un’altra: una cala rocciosa perfetta per chi ama fare snorkeling, acqua cristallina e un sentiero per raggiungerla che attraversa un’antica città etrusca.

L’unico insediamento importante che questa civiltà ha costruito sul mare: quando si arriva in fondo al sentiero e quell’azzurro ti si apre davanti, si capiscono tante cose.

Ma piano, andiamo per gradi: ecco qualche consiglio per organizzare la vostra visita alla Buca delle Fate a Baratti.

 

COME RAGGIUNGERE LA BUCA DELLE FATE A BARATTI

Raggiungere il Golfo di Baratti è semplice: si trova a 12 chilometri a nord di Piombino, raggiungibile tramite la strada provinciale della Principessa.

Per chi proviene da nord, la superstrada SS1 Aurelia è la via più comoda: si esce a San Vincenzo e poi si prosegue costeggiando il Parco Costiero di Rimigliano, lungo la strada provinciale della Principessa.

Quello che non è per nulla semplice, nel Golfo di Baratti, è trovare un parcheggio gratuito.

La maggior parte è a pagamento e se si ha intenzione di restare tutta la giornata si rischia di spendere parecchi soldi.

Per raggiungere la Buca delle Fate vi consigliamo di superare il porto di Baratti e continuare verso Populonia: a circa 1,5 chilometri dall’abitato, sulla sinistra troverete uno spiazzo dove lasciare l’auto.

parcheggio Buca delle Fate Baratti
La mappa per arrivare al parcheggio della Buca delle Fate a Baratti – immagine fornita da Google Maps
Buca delle Fate Baratti come raggiungerla
Il parcheggio gratuito da cui parte il sentiero per la Buca delle Fate

IL SENTIERO VERSO LA BUCA DELLE FATE A BARATTI

Dal parcheggio ha inizio il sentiero che conduce alla Buca delle Fate. 

Fate attenzione al primo bivio, che incontrerete subito: qui dovrete proseguire verso destra, seguendo il sentiero n. 301 come riportato sulle indicazioni escursionistiche.

Il percorso si sviluppa nella macchia mediterranea del promontorio di Populonia, all’ombra dei lecci e avvolti dal profumo di mirto.

E’ proprio tra queste fronde odorose che nasceva l’antica città stato etrusca di Populonia: è rimasto ben poco, ma quello che si intravede emana un fascino misterioso.

L’insediamento, uno dei 12 più importanti della civiltà etrusca, aveva diverse necropoli lungo la costa e seguendo il sentiero verso la Buca delle Fate è possibile ammirare alcune tombe ipogee, purtroppo oggi quasi completamente invase di detriti.

Poco più avanti si trova invece una cava, dalla quale veniva estratti i blocchi di roccia necessari per la costruzione della vicina acropoli.

Il sentiero verso la Buca delle Fate continua in discesa, raramente con una pendenza pericolosa, attraverso il bosco di lecci, che mano a mano si diradano lasciando spazio a scorci da favola.

Quando si arriva in fondo, dopo circa venti minuti di cammino, lo spettacolo della baia lascia davvero senza parole. Non resta che trovare il posto giusto dove fermarsi e poi tuffarsi nell’azzurro cristallino della Buca delle Fate!

sentiero Buca delle Fate Baratti
Le indicazioni verso la Buca delle Fate
Buca delle Fate Baratti
…e alla fine del sentiero ecco finalmente la Buca delle Fate! 🙂

LA BUCA DELLE FATE NEL GOLFO DI BARATTI: CONSIGLI UTILI

Come potete immaginare, non ci sono servizi alla Buca delle Fate, solo una baia ancora vergine e dai colori meravigliosi.

C’è una piccola spiaggia di sassi, alcune insenature più riparate e tante rocce levigate dall’acqua e dal vento sulle quali stendere il proprio telo.

Fondamentale è portare con sé acqua in abbondanza, cibo e scarpe da scoglio.

Non dimenticatevi inoltre maschera e boccaglio: il fondale della Buca delle Fate è un paradiso per chi ama fare snorkeling!

Buca delle Fate Baratti
I colori della Buca delle Fate, baia nel Golfo di Baratti

LA LEGGENDA DELLA BUCA DELLE FATE

Ammetto che il nome della baia mi ha incuriosito da subito, ma Kiki non sapeva darmi una risposta certa.

Ho fatto così qualche ricerca e, come immaginavo, alla Buca delle Fate è associata una leggenda legata a due innamorati, raccontata con particolari diversi di blog in blog.

A me piace soprattutto la versione che racconta della baia come di un luogo popolato da fate, sirene e spiriti, nel quale si trova un giorno a passeggiare un giovane inconsapevole, alla ricerca di un fiore di mare da regalare alla sua amata.

Le fate, che erano solite ammaliare i pescatori, lo videro e lo attirarono nel loro mondo sommerso. Passarono i giorni, senza che la sua amata avesse notizie, finché la stessa non si convinse che fossero state proprio le fate le artefici della scomparsa del giovane. Si recò numerose volte sulla scogliera, senza mai trovare nessuna traccia del ragazzo: piangeva disperatamente, tanto che un delfino, mosso a compassione, si avvicinò alla costa, raccogliendo una lacrima della giovane e trasformandola in perla.

Il delfino, che conosceva il mondo sommerso delle fate, portò loro in dono la perla, chiedendo che in cambio fosse liberato il ragazzo. Le fate accettarono e il giovane venne liberato: insieme alla sua amata, scapparono dalla scogliera verso la felicità. (fonte: lacarrozzadergambini.it)

 

IL BORGO DI POPULONIA

Nel Golfo di Baratti potrete unire una giornata al mare con una toccata e fuga culturale in un borgo che ha conservato molto del suo passato: stiamo parlando di Populonia.

Dell’antica città stato etrusca si possono ammirare gli scavi, che hanno riportato alla luce l’acropoli, le mura antiche e la necropoli. Inoltre sono state rinvenute alcune domus romane, le terme e molti reperti archeologici, come vasi e anfore.

La rocca e la torre medievale dominano il promontorio: da lassù si ha un panorama fantastico e si possono vedere l’Isola d’Elba, Capraia e in condizioni di cielo limpido anche la Corsica.

Populonia
La veduta sul Golfo di Baratti da Populonia – Photo by Allie_Caulfield on Foter.com / CC BY

IL GOLFO DI BARATTI: LA SPIAGGIA

Sulla strada del ritorno abbiamo fatto tappa nella spiaggia di Baratti.

Come vi dicevamo, non è facile trovare un parcheggio gratuito, ma se siete fortunati proprio dietro il porto c’è un ampio spiazzo dove si può lasciare l’auto senza pagare un centesimo.

Da lì in circa 10 minuti di passeggiata attraverso la splendida pineta, potrete stendere il vostro telo sulla spiaggia di Baratti.

Rispetto alla Buca delle Fate lo scenario cambia notevolmente, come potrete immaginare: ci sarà molta più confusione, ma potete approfittarne per una nuotata nelle acque calme del golfo.

spiaggia di Baratti
La spiaggia di Baratti al mattino presto…
spiaggia di Baratti
…e al tramonto! 🙂

La Buca delle Fate è stata per noi una fantastica scoperta, una baia nascosta dove trovare il proprio angolo di tranquillità.

Voi preferite le baie solitarie o siete più per le spiagge attrezzate?

Alessandro Mazzini

Alessandro Mazzini

Ho iniziato a viaggiare quando ero ancora bambino e da allora non ho più messo la testa a posto. Scoprire posti nuovi è la cosa che più mi piace e mi fa stare bene...E da quando conosco Chiara condivido questa passione con lei, che è la mia metà! Insieme prepariamo il trolley per la prossima destinazione, che sia una fuga d'amore, una semplice gita fuori porta o un'avventura da ricordare per tutta la vita!

Ultimi articoli sul blog

20 commenti su “La Buca delle Fate: una baia nascosta nel Golfo di Baratti”

  1. Quanto è bello quando un viaggio che fino a un momento prima era solo nei nostri sogni diventa realtà. Ovviamente il nome di questa spiaggia mi piace tantissimo e anch’io ero curiosa di conoscerne la storia. Trovati sempre dei posticini Fantastici ragazzi!

    Rispondi
  2. Cavoli, aver saputo prima dell’esistenza di questo posticino…! Ci sono stata lo scorso anno con i miei nipotini… Peccato! Che bel posto, e che bel nome!

    Rispondi
    • Vero, il nome ispira luoghi da favola, ed in effetti quando ci si arriva si capisce il perché! 😉
      Avrai modo di ritornarci Elena, e i tuoi nipotini saranno contentissimi se li porterai alla Buca delle Fate a fare un tuffo! 🙂

      Rispondi
  3. Nono no. No. Decisamente un grosso NO per le spiagge attrezzate e affollate. Già che ci siamo io e Orsa c’è un sovraffollamento 😉 Ragazzi ma che foto meravigliose, soprattutto quella della chiesetta…che per un attimo (ma solo pochi secondi) mi è venuta voglia di dire SI in un luogo consacrato. Toccante la leggenda ma il valore aggiunto di raggiungere questa meraviglia con un sentiero attraversando rovine archeologiche e la frescura dei boschi la considero un’esperienza a se! Grazie per avercene parlato, se capito da quelle parti la raggiungerò e vi penserò! 😉

    Rispondi
    • Quella chiesetta è troppo bella, in effetti: ci ha ricordato subito quelle in prossimità delle spiagge greche, e poi ha la particolarità che ha le sedute fuori, con la messa che si celebra all’esterno! Bello eh!? Il Golfo di Baratti è un posticino pieno di sorprese e la Buca delle Fate è un approdo unico, per colori e per la storia millenaria che custodisce. Peccato che quelle tombe ipogee siano un po’ lasciate al loro destino, o almeno così ci è sembrato. Grazie mille come sempre Dani, un abbraccio grande! 😉

      Rispondi
  4. Che posto incantevole!!! Non ne avevo mai sentito parlare, grazie mille per aver condiviso le foto con noi… lo terrò a mente per un weekend verso fine estate 🙂 Un abbraccio ragazzi

    Rispondi
  5. Ma grandi ragazzi! Ci segniamo subito questa spiaggetta semmai ci andremo, già il nome dice tutto. Indicazioni utilissime come sempre 😀

    Rispondi
  6. Ma quanto mi piacciono queste leggende romanticose! E diciamocelo, quella baia è pazzesca, e il fatto che ci siano anche rovine archeologiche la fa diventare un grande SI quanto a posti da vedere!

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: