La borsa racconta

Oggi vorrei parlarvi del post-viaggio, precisamente del momento in cui torni in ufficio dopo un viaggio, apri la borsa per cercare le monetine per la macchinetta del caffè e ti ritrovi in mano un biglietto della metro di Stoccolma!

Le borse delle donne dopo una vacanza pesano quintali! Perchè magari non hai avuto il tempo di svuotarla e man mano spunta di tutto: mappe delle città, tappi per le orecchie, scontrini vari, biglietti dell’autobus, carta d’imbarco e il biglietto da visita di quel ristorante così carino!

Non so voi, ma per me passa almeno una settimana prima che prenda in mano la situazione e svuoti completamente la borsa, mettendo da parte quello che mi interessa e buttando il resto.

E così la settimana passa, e vai a fare la spesa dando alla cassiera la metrocard anziché la tessera fedeltà, cerchi la lista della spesa e trovi la lista delle 10 cose da fare a Stoccolma, cerchi il burro cacao e dal beauty salta fuori la mascherina per dormire!

Segnalo inoltre un errore nel quale io casco sempre: care amiche è vietato cambiare borsa lasciando i residui di viaggio nella “vecchia”!!! Questo peggiorerà solo la situazione perchè ve li ritroverete nella prossima vacanza ed allora sarà un circolo vizioso senza fine!

Comunque vi confesso che per me è bello così: tornare al lavoro nella mia quotidianità e quando meno me lo aspetto toccare con mano piccoli oggetti, anche i più insignificanti che con la mente mi fanno tornare al mio ultimo viaggio!

Questo status di viaggiatrice imperfetta mi fa sorridere e mi fa pensare a quanto la vita sia meravigliosa: oggi sono in ufficio, ma ieri sera ero a bere una cerveza sulla Dalt Vila di Ibiza, e domani chi lo sa?!
Ops…forse in borsa ho già pronta la carta d’imbarco per il mio prossimo viaggio!!!

kiki-aereoporto

 

Chiara Ranucci

Chiara Ranucci

Ultimi articoli sul blog

6 commenti su “La borsa racconta”

  1. Ti capisco benissimo, soprattutto per quanto riguarda le monete e le banconote estere 😉 Io ho da anni una moneta da un dollaro e un 20 pence inglese che “vivono” stabilmente nel mio portamonete, e ormai mi sa che ci resteranno. Ma come dici tu fa pensare al fatto che anche se oggi sono in ufficio, ieri ero chissà dove. Insomma, un altro modo per non far finire il viaggio troppo in fretta.
    Sono contenta di aver scoperto il vostro blog, vi seguirò con piacere 🙂

    Rispondi
    • Le nostre borse sono una sorpresa continua: a volte ho trovato delle cose nascoste all’interno della fodera 🙂 I nostri souvenir di viaggio che ci accompagnano quotidianamente! Grazie Silvia..continua a viaggiare con noi!

      Rispondi
  2. La mia borsa è esattamente così dopo un viaggio ^_^
    Salta fuori di tutto! Recentemente ho trovato 10 euro in zloty..ora mi tocca tornare in Polonia..farò questo sacrificio 😀

    Rispondi
  3. Anche io ti capisco! In verità al rientro da un viaggio passo al lavaggio centimetro per centimetro tutto però capita che quello che c’era dentro lo sposti in un’altra borsa finendo così per trovare biglietti, scontrini e ricordi dell’ultima vacanza anche in quella! 😉

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: