Burano, l’isola dai mille colori

Durante la nostra recente fuga romantica a Venezia abbiamo dedicato una mattina ad una piccola isola che da tanto desideravamo scoprire: Burano.

Basta così poco per raggiungerla, una mezz’oretta circa dall’imbarcadero di Fondamente Nove, e ha così tanto da offrire che è un peccato non visitarla!

Così, se volete scoprire un mondo straordinario di colori racchiuso in pochi metri quadrati, un piccolo scrigno di tesori nascosto nella laguna veneta, eccolo qui: Burano vi sta aspettando!

burano-untrolleyperdue
Burano, l’isola dai mille colori!

COME ARRIVARE A BURANO

Il metodo classico per raggiungere Burano è il vaporetto.

Per ottimizzare costi e tempi, vi consigliamo di acquistare il biglietto giornaliero (costo € 20) dei trasporti pubblici di Venezia.

Pianificando la vostra giornata potrete sfruttare il ticket per 24 ore e raggiungere altri luoghi meravigliosi della laguna, come Murano, l’isola della Giudecca o San Giorgio Maggiore.

burano-vaporetto
In vaporetto verso Burano

Piccola curiosità: lo sapevate che in passato le coppie di sposi in viaggio di nozze a Venezia venivano accompagnate in motoscafo a Murano gratuitamente?

Era uno stratagemma di marketing ideato dagli artigiani dell’isola per favorire l’acquisto delle proprie opere in vetro soffiato!

 

UN CAMPANILE UN PO’ STRANO

Arrivando in vaporetto da Venezia la prima cosa che ci ha colpito di Burano è stata…il suo campanile storto!

L’inclinazione è così evidente da lontano che suscita una particolare impressione: una sorta di torre di Pisa in un luogo quantomeno inaspettato.

burano-campanile
Il campanile storto di Burano da lontano fa impressione!

Le sorprese però non sono finite: non appena si entra nel canale di Mazzorbo, l’isoletta collegata a Burano da un ponte, ecco spuntare le prime casette colorate in un susseguirsi di tinte pastello!

E’ solo un piccolo antipasto del meraviglioso spettacolo multicolore di Burano.

burano-ponte-del-amore

 

LABIRINTH

Tante volte si dice: “E’ bello perdersi per le vie di questo o quell’altro posto”.

Un’espressione inflazionata, ma che in questo caso calza a pennello e si adatta perfettamente alla nostra scoperta di Burano.

burano-calle
Una delle strette e colorate calli di Burano
burano-palazzi
Le strette calli a volte portano a cortili dove si è circondati dai palazzi colorati!

Sottopordeghi (sotto-portici), strette calli che si intersecano, ponticelli e vicoli senza uscita rendono questa piccola isola un vero e fantastico labirinto.

Io e Kiki ad un certo punto ci siamo persi: eravamo alla ricerca di uno dei palazzi più colorati di Burano, la casa di Bepi, e ad un certo punto non l’ho più vista!

burano-casa-bepi
La Casa di Bepi, la più colorata di Burano!

Il gps tra i stretti vicoli dell’isola non funziona, in più il mio smartphone lo stava usando lei per individuare la casa suddetta…e così mi sono ritrovato ad inseguire Kiki sperando di trovare la strada giusta per raggiungere la Casa di Bepi.

Ok, ce l’ho fatta in poco tempo, ma solo grazie al mio innato senso dell’orientamento! 🙂

burano-casa-bepi
La porta d’ingresso di Casa Bepi: occhio a non perdervi per trovarla!

IL PONTE DELL’AMORE

Prima della (dis)avventura per trovare la casa di Bepi, c’è un primo approccio con Burano che ci ha fatto innamorare.

Il lungo canale di Fondamenta di Cavanella è un tuffo nel mondo colorato dell’isola che lascia a bocca aperta.

burano-fondamenta-di-cavanella
Fondamenta di Cavanella: amore a prima vista

 

burano-fondamenta-di-cavanella

burano-colori

Da percorrere tutta d’un fiato, fino al Ponte dell’Amore, che sono sicuro si chiami così perché se due ragazzi ci salgono sopra e si guardano intorno, non possono fare a meno di baciarsi davanti a tanta bellezza.

Come diceva Jacques Prevert: “I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno”.

Forse anche i palazzi di Burano non ci sono per nessuno, sono parte di un mondo che solo a frammenti arriva ai nostri occhi, solo per qualche piccolo istante riusciamo a capire davvero il loro senso. Solo da qui, dal Ponte dell’Amore.

burano-ponte-del-amore
Fondamenta di Cavanella vista dal Ponte dell’Amore
Kiki sul Ponte dell’Amore, alle sue spalle il campanile di Burano

CORTE DELLA COMARE (TRUE COLORS)

But I see your true colors

Shining through

I see your true colors

And that’s why I love you

So don’t be afraid to let them show

Your true colors

True colors are beautiful

Like a rainbow”

burano-colori

burano-colori

burano-colori

Proprio a due passi dal Ponte dell’Amore c’è una piazzetta in cui dovete assolutamente andare: Corte della Comare.

Qui si respira la vera essenza dell’isola di Burano: i panni stesi, i profumi che provengono da qualche cucina e tutt’intorno al piccolo parco, le piccole casette sembrano uscite da un astuccio della Faber Castell!

burano-corte-della-comare
Le casette di Corte della Comare

C’è una gamma incredibile di tinte pastello qui, perfettamente abbinati tra loro nelle mille sfumature esistenti.

 

PIAZZA BALDASSARE GALUPPI E IL MUSEO DEL MERLETTO

Il centro ideale di Burano è qui, nell’unica grande piazza dell’isola.

Qui si trova anche la Chiesa di San Martino e il suo campanile tutto storto, anche se da visto da qui fa meno impressione, o perlomeno a noi così è parso.

burano
Piazza Baldassare Galuppi, Burano

burano

burano
Il campanile di Burano, da vicino, fa meno impressione!

Di fronte all’ingresso della basilica si trova il Museo del Merletto: oltre alla bellissima esposizione di pezzi unici, si può assistere dal vivo (solo al mattino) alla creazione di alcuni esemplari per opera delle merlettaie, ancora oggi depositare delle antiche tecniche di lavorazione.

Un’arte che ha reso celebre l’isola di Burano in tutto il mondo, nata a Venezia nel 1500, nel cuore del Rinascimento italiano.

 

NON BISOGNA PERDERE LA…BUSSOLA’!

Non si può lasciare Burano senza aver prima assaggiato il suo dolce tipico: il bussolà!

Gli ingredienti sono semplici e nutrienti: uova, farina, zucchero e burro.

Una vera delizia che originariamente le donne dell’isola preparavano per i marinai in partenza e che oggi è possibile assaggiare fermandosi ad uno dei forni o pasticcerie dell’isola.

Occhio alle differenze: a Venezia il bussolà è salato, mentre la versione buranea (l’originale!) è dolce!

burano
Una targa con dedica veneziana…

Dunque, cosa vi ispira di più di Burano? Le sue calle labirintiche, le sue casette tutte colorate, i merletti preziosi o il suo dolce tipico, il bussolà?

Non vi resta che partire alla volta di questa coloratissima isola della laguna veneziana per scoprirlo di persona!

burano

Alessandro Mazzini

Alessandro Mazzini

Ho iniziato a viaggiare quando ero ancora bambino e da allora non ho più messo la testa a posto. Scoprire posti nuovi è la cosa che più mi piace e mi fa stare bene...E da quando conosco Chiara condivido questa passione con lei, che è la mia metà! Insieme prepariamo il trolley per la prossima destinazione, che sia una fuga d'amore, una semplice gita fuori porta o un'avventura da ricordare per tutta la vita!

Ultimi articoli sul blog

10 commenti su “Burano, l’isola dai mille colori”

  1. Che bei colori! E pensare che non è semplice – in qualsiasi altro posto sembrerebbero un pugno in un occhio, mentre qui l’effetto è spettacolare.
    Ora che dici che le coppie di sposi in viaggio a Venezia venivano non pagavano il motoscafo per andare a Murano: la mia madrina è andata in viaggio di nozze a Venezia negli anni ’70 e in salotto ha un oggetto di vetro indefinibile che arriva proprio da lì – devo chiederle se lo ha comprato proprio in luna di miele!

    Rispondi
  2. Ho un bel ricordo di Burano, dei suoi incredibili colori e…del suo campanile storto! In particolare mi sono rimasti impressi i lavori al merletto, alcuni davvero complicatissimi..o almeno ai miei occhi, io che non so neanche cucire un bottone…ahahah! Bel reportage e bellissime foto ragazzi, complimenti!

    Rispondi
  3. Bellissimo articolo ma soprattutto bellissime foto, complimenti! Pensiamo che le isole siano una grande attrazione di Venezia e ci fa piacere che articoli come questo le valorizzino. Perdersi tra le calli i colori di Burano è un’esperienza che chiunque passi qualche giorno a Venezia dovrebbe fare

    Rispondi
    • Siamo completamente d’accordo: Burano è un’esperienza assolutamente da non perdere se si passa qualche giorno a Venezia. Inoltre il viaggio in vaporetto permette di ammirare lo skyline di Venezia da un punto di vista diverso dal solito. E’ molto romantico! Grazie per i complimenti e per la visita! 🙂

      Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: